Posts filled under #ricordi

Oggi far un'eccezione pub

Oggi far un'eccezione pubblicando una foto non mia. Ho deciso di condividere con il mondo di Instagram quella Enna con palazzi, chiese e monumenti che purtroppo non ci sono pi, e che io stessa non ho potuto vedere. Nello scatto, probabilmente risalente alla prima met del '900, a sinistra il campanile della chiesa di S. Tommaso e al centro chiesa delle Anime Sante, ancora oggi esistenti; a destra il campanile del Collegio di Maria, abbattuto in tempi recenti per allargare la strada limitrofa. Seguiranno altre eccezioni . . . . #enna #ennaantica #ennainbiancoenero #siciliaantica #oldsicily #sicilia #blackandwhite #nocolor #nofilter #oldarchitecture #oldplaces #churchofsicily #church #oldchurches #architetturasiciliana #chieseantiche #ricordi #memories #nostalgic #oldphotograph #oldphotos #oldpictures #centerofsicily #entroterrasiciliano #centrostorico #ennacentro #campanili #chiesasantommaso #chiesaanimesante #collegiodimaria

Centro estivo comunale, 1

Centro estivo comunale, 1986 forse 1985. Al mattino si facevano giochi che coinvolgevano tutti, circa 150 bambini tra i 6 ed i 13 anni. Poi si pranzava e dopo pranzo c'era chi andava ad arrostire giocando a calcio sotto un sole rovente e chi era pi avveduto, o almeno cos pareva a me, si infilava in un boschetto ombreggiato e fresco a raccontare o ascoltare delle Storie, taluni arrampicati su un alberello (che allora ci sembrava enorme), altri seduti su delle panchine disposte in semicerchio. Il tutto in attesa dei laboratori che ci tenevano impegnati sino alla merenda delle 16:30, che precedeva il ritorno a casa alle 17. Nell'intermezzo tra storie e laboratori, un bel pomeriggio di met luglio, mi si avvicina velocemente una bambina, Lauretta. Carina, incisivi un po' a coniglietto, ma graziosissima. Visibilmente imbarazzata ma altrettanto sorridente e determinata, mi prende per mano dicendo: Devo dirti una cosina. Mi trascina via per una decina di metri e, avvicinandosi ad un orecchio: Sei carino e sei simpatico. Poi fa una smorfia a met tra un sorriso ed un sospiro di sollievo, e corre via. Seguirono venti interminabili secondi di Quindi? Ora cosa dovrei fare? Il me stesso di qualche anno prima mi avrebbe canzonato inesorabilmente (fui un pargolo sin troppo spigliato, almeno fino ai 6anni, ma questa un'altra storia). Dopo rapido conciliabolo con amici pi grandi il verdetto fu chiaro: devi metterti con lei. E sia! Vado, la prendo da parte: Ti vuoi mettere con me? Lei ci pensa (???)tre secondi: Si. Seguirono due settimane di nulla. Io avevo un concetto dello stare insieme un po' maturo per i miei 10/11anni. Passare del tempo insieme a parlare e giocare, da soli magari, ma insomma almeno insieme. Invece seguitammo lei a passare il tempo con le sue amichette ed io con i miei. Era lapalissiano: non poteva funzionare. Troncai io, da vero cucciolo di Uomo: Non stiamo mai insieme, cos non mi piace, ti lascio. Ok. disse lei e torn a giocare. Oh, la semplicit. - EtnNavarre - #etnnavarre #ceraunavolta #onceuponatime #lasemplicit #preadoloscenza #primeesperienzedicoppia #centroestivo #compresso #lauretta #boschetto #ricordi #memories

An extract on #ricordi

Founded in Milan in 1808 as G. Ricordi & Co. by violinist Giovanni Ricordi (17851853), the Ricordi company became a totally family-run organization until 1919, when outside management was appointed. Four generations of Ricordis were at the helm of the company, Giovanni being succeeded in 1853 by his son Tito (1811 1888) (who had worked for his father since 1825). Tito's son was Giulio (18401912). He had also worked for his father, beginning full-time in 1863, and then took over from 1888 until his death in 1912. Finally Giulio's son, also named Tito, (18651933) replaced his father until 1919. By the 1840s and throughout that decade, Casa Ricordi had grown to be the largest music publisher in southern Europe and in 1842 the company created the musical journal the Gazzetta Musicale di Milano. As younger employees under their fathers and then as leaders of the company, the succeeding Ricordis made great strides in establishing publishing relationships with opera houses outside of Milan, including La Fenice in Venice and Teatro San Carlo in Naples. They also established branches of the company within Italy in 1864 it expanded to Naples and then to Florence (1865), Rome (1871) and Palermo, as well as in London (1875) and Paris (1888). With this expansion under the elder Tito, another of his accomplishments was in modernizing printing methods. With the acquisition of rival publishers, by 1886 Ricordi handled 40,000 editions as well as the Italian rights to Wagner's operas. In the 20th century, the company's expansion continued with acquisitions and new branches, which included those in New York (1911), So Paulo (1927), Toronto (1954), Sydney (1956), and Mexico City (1958). In its early days, the company established itself under the portico of the Palazzo della Ragione and then close to the La Scala opera house after 1844, eventually moving to its present location on the via Berchet. However, these premises suffered severe damage from aerial bombardment during World War II, but its collections had already been safely stored away. Following reconstruction after the war, Ricordi was converted to a limited corporation by the family in 1952 and in 1956 it became a publicly traded company. With 135,500 editions by 1991, Ricordi was acquired in 1994 by BMG Music Publishing, which in turn was purchased by Universal Music Publishing Group in 2007. It is now Italy's largest music publisher.

logo